L’alimentazione nei bambini, ecco cosa raccomandano gli esperti

zuccheri

Oggi, rispetto al passato, gli studi sull’alimentazione svolgono un ruolo fondamentale nella comprensione e prevenzione di malattie, quali il diabete o malattie cardiovascolari, che hanno una diffusione elevata. E’ importante curare questo aspetto sin dall’infanzia, e imprimere una solida educazione anche per tutto ciò che riguarda la corretta alimentazione, in modo da garantire al bambino uno stile di vita più sano, che seguirà anche da adulto. Infatti, un’alimentazione scorretta influenzerebbe le sue scelte alimentari da adulto.

Quale alimento viene considerato rischioso nella dieta del bambini? Tutta l’attenzione è rivolta all’assunzione degli zuccheri, in quanto un eccessivo consumo può diventare causa di malattie, quali obesità, diabete, carie dentaria e malattie cardiovascolari. A tal proposito l’American Heart Association si pone in prima linea nell’educare i genitori sulla prevenzione di malattie cardiovascolari, eliminando lo zucchero dalla dieta dei bambini sotto i due anni. Inoltre, dai due ai 18 anni è consigliabile consumare una quantità di zucchero pari a 25 grammi (6 cucchiaini) al giorno, limitando il consumo di merendine, succhi di frutta industriali, bibite gassate e bevande zuccherate, riducendo i rischi di ipertensione, alterazioni del livello dei grassi nel sangue e diabete.

Come ha dichiarato la pediatra Miriam Vos, “L’obiettivo è far rientrare gli zuccheri nell’ambito di una dieta sana ed equilibrata”. E’ importante sostituire gli zuccheri semplici, quelli aggiunti agli alimenti, con zuccheri “buoni” presenti nella frutta, che, inoltre presentano un apporto nutritivo maggiore, grazie alla presenza di fibre, vitamine, minerali. Infatti, lo svezzamento avviene con cibi naturalmente dolci come le creme di frutta e verdure, e continuando con un buon percorso nutrizionale costituito da creme di cereali integrali, senza zuccheri aggiunti, come la farina di riso, mais, orzo o tapioca. Inoltre, una buona alimentazione prevede carni bianche e pesce, limitando al massimo i grassi, infatti, gli esperti raccomandano come unico grasso “buono” nella dieta dei bambini l’olio extravergine d’oliva, ricco di acidi grassi insaturi da spremitura.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*