Creare un orto urbano con i pallet

Da qualche anno a questa parte, è in netto aumento l’interesse per l’ecologia e l’autoproduzione di cibo e oggetti di comune utilità, soprattutto quelli nati dal riciclo di scarti domestici e industriali. Sebbene possa sembrare una cosa da nulla, ognuno di noi, nel nostro piccolo e con le nostre abitudini possiamo contribuire a migliorare la vivibilità del nostro pianeta.

In particolare, si sta diffondendo sempre più l’abitudine di creare piccoli orti urbani sui balconi di casa propria, dando alle famiglie la possibilità di coltivarsi i propri ortaggi, di avere una collezione di erbe officinali o, ancora, di decorare il proprio balcone con bellissimi fiori.

A tal proposito, è interessante come uno scarto industriale come i pallet in legno siano strumenti estremamente versatili e utilizzabili in decine di modi diversi, sia per l’arredamento da interni, sia per quello da esterni.

Molti utilizzano i pallet in posizione orizzontale, ad esempio, per creare interni d’arredamento dall’aspetto eccentrico, ma allo stesso tempo moderno e perché no, anche un po’ raffinato, se opportunamente lavorati e modificati.

La cosa più interessante, però, è l’utilizzo in relazione alla creazione di un piccolo orto da balcone: basta sistemare un pallet in posizione verticale, infatti, per rendersi conto che, magari con l’aiuto di qualche chiodo, un martello e una sega, si dispone di una fantastica parete con delle parti cave in cui possono essere sistemate delle fioriere ad incastro, oppure, se chiuse nella parte inferiore con dei pannelli di legno supplementari (magari tagliati da altri pallet, per non sprecare altro legno), possono diventare dei veri e propri vasi in cui seminare ciò che si desidera, risparmiando tantissimo spazio su un balcone che altrimenti sarebbe troppo stretto per tutte le coltivazioni che desideriamo.

Se se ne ha lo spazio, infine, è possibile avvicinare più pallet in un’unica configurazione per farli diventare una parete perfetta per una pianta rampicante come un’edera o una bouganville.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*